Il piccolo Shiatsushi

Noemi Kondo
28.10.2009
 
Quando si parla di trattamento Shiatsu, le idee sono un po’ vaghe e confuse. Molti pensano che sia semplicemente un tipo di massaggio, ma non è corretto. Lo Shiatsu ed il massaggio, proprio sotto il profilo tecnico, sono due cose molto diverse. Il ricevente Shiatsu, senza necessità di spogliarsi, si distende sul Futon, un tipo di materasso giapponese su cui tanti dormono ancora oggi in Giappone, e l’operatore si mette a terra esercitando dolci manipolazioni partendo dal centro del corpo del ricevente verso l’esterno, senza usare alcun olio. Lo Shiatsu è anche strumento di comunicazione, è parlare con le persone attraverso le mani senza necessità di usare le parole e questo mi dà sempre immensa gioia.

In Giappone come in Italia, ormai sono molti gli operatori Shiatsu (Shiatsushi), ma una volta ognuno di noi era un piccolo Shiatsushi della famiglia. I nonni, quando avevano tensioni o dolori al collo, alla spalla, ai lombi, insomma in una qualsiasi parte del corpo, chiedevano l’aiuto dei nipoti e noi nipoti dovevamo fare quello che loro dicevano. “Puoi premere qui? Puoi strofinare su questa zona? Puoi rimanere su questi punti?” e così via. Questo piccolo trattamento durava soltanto dieci minuti, ma in ogni caso risolveva i loro problemi. I nonni erano contenti e naturalmente anche noi ci rallegravamo dei risultati. Eseguendo questi trattamenti, pian piano riuscivamo a capire i punti giusti da toccare, come sbloccare le tensioni e alla fine, non ci serviva più l'aiuto dei nonni. Per me è stata una grande soddisfazione imparare questa tecnica in maniera così naturale: lo Shiatsu è diventato ormai parte integrante della mia vita.

Sono passati vent'anni e uno di questi nipoti esercita lo Shiatsu anche in Italia, aiutando a risolvere i problemi delle persone. In Giappone invece la maggior parte dei giovani d'oggi non può più apprendere questa tecnica dagli anziani perché sono cambiati gli stili di vita e non si abita più tutti insieme.

E’ un vero peccato perché così va scomparendo una delle nostre tante belle tradizioni. Comunque cambino le cose, i miei trattamenti Shiatsu continuano secondo il massimo rispetto della tradizione giapponese, una base che mi accompagna anche nella vita di tutti i giorni.
 
 
 
Twitter Facebook Drucken